Train to Busan (2016): Recensione

Train to Busan, film Horror sudcoreano presentato al Festival di Cannes 2016 e in anteprima italiana alla Festa del Cinema di Roma

La morte corre sui vagoni, e non solo…
Ormai la Zombie Mania si diffonde a macchia d’olio, contagiando lo spettatore voglioso di adrenalina ed emozioni forti.
Genere molto in voga dagli anni ‘60 fino agli ‘80 (grazie soprattutto a George A. Romero), in Occidente ritorna in pompa magna con alcuni lungometraggi come ”Grindhouse – Planet Terror” e “28 giorni dopo” solo per citarne un paio. La vera epidemia però si dilaga per merito della Serie TV statunitense “The Walking Dead” che espande e diffonde il verbo anche a coloro che non erano appassionati degli “Zombie Movie”.
Tra i tanti prodotti e remake girati in questo periodo è sicuramente degno di nota il Sud Coreano “Train to Busan”, diretto dal regista Yeon Sang-ho e presentato al Festival di Cannes 2016.
Girato con un budget di 8 milioni di dollari, la pellicola ne ha incassati oltre 100 in tutto il mondo, trovando elogi da parte di critica e pubblico che ne chiedono a gran voce il sequel -e sicuramente verranno accontentati-.

train to busan
La storia di Train to Busan è lineare e adrenalinica, un’escalation di eventi che seguono di pari passo la sorpresa iniziale di un’apocalisse per poi trasformarsi in senso di sopravvivenza quando si è costretti ad agire, soprattutto in uno spazio stretto (i vagoni del treno) e circondati da zombie infetti assetati di sangue.
Parallelamente alla storyline principale c’è anche modo di visionare il lato sentimentale e comportamentale dei personaggi in pieno stile “Cinema Coreano”.
Un padre assente ed apparentemente superficiale in viaggio con la figlia dolce, generosa e trascurata sono il fulcro del racconto.
Troveranno alleanze e rivalità negli altri sopravvissuti, rendendo la pellicola estremamente realista e piena di significati ma senza eccedere nell’esagerazione.

Se “I Guerrieri della Notte” cercavano un treno per non morire, in “Train to Busan” questi guerrieri improvvisati cercano una fermata per sperare.

SEGUI MALATI DI CINEMA SU FACEBOOK

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *