The Bye Bye Man (2017): Recensione

The Bye Bye Man (2017)

Recensione di The Bye Bye Man, film thriller/horror diretto da Stacy Title nel 2017, basato su fatti realmente accaduti negli Stati Uniti

Seguendo la scia di Candyman e del “meno horror” ma non per questo meno terrificante Beetlejuice, arriva nelle sale italiane “The Bye Bye Man”, pellicola del 2017 diretta da Stacy Title (Una cena quasi perfetta, Hood of Horror).

Elliot e Sasha sono fidanzati, mentre John è il migliore amico di Elliot.
Frequentano il college e decidono di prendere in affitto una casa tutta per loro in modo tale da concentrarsi meglio sullo studio.
L’occasione gli capita quando trovano un enorme stabile abbandonato da anni.
Quello che non sanno è che la casa contiene un terribile segreto che dovrebbe rimanere tale…

L’inquietante tormentone che buca il cervello come un trapano nel muro, “Non dirlo, non pensarlo”, è il punto di riferimento di questo thriller/horror ben diretto da Stacy Title.

the bye bye man

La storia è ispirata a fatti (in parte) realmente accaduti nel 1990, dove alcuni ragazzi del Wisconsin durante una seduta spiritica avrebbero evocato The Bye Bye Man.
Tornando alla trasposizione cinematografica, il Villain è losco e silenzioso. Lo vediamo in compagnia di un terrificante e mostruoso mastino che si nutre in modo vorace delle vittime.
Bye Bye Man è un manipolatore, un virus che non appena viene menzionato si insinua nella mente del malcapitato rendendolo paranoico. Il suo è un mind games intelligente e non sembra esserci soluzione per distruggerlo.

Alcune piccole banalità non intaccano la godibile narrativa, resa soft e poco “sporca” come avrebbe invece meritato (se fosse stato girato negli anni ‘70 ci saremmo trovati di fronte un gioiellino).
Mediocre la prova del cast, molto probabilmente il punto debole della pellicola.
Si poteva osare di più, specialmente nello stile che è sembrato troppo da Serie TV, ma una sufficienza risicata gliela concediamo.
Menzione particolare per Faye Dunaway che appare in un cameo.

SEGUICI SU FACEBOOK

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *