9 (Nine) (2009): Recensione

9 (Nine), 2009

Regia: Shane Acker

Genere: animazione, fantascienza

Cast: Elijah Wood, Jennifer Connelly,
Crispin Glover, John C. Reilly,  
Martin Landau,
Christopher Plummer, Fred Tatasciore.

 

Ha origine da un corto che venne notato da Tim Burton che volle poi produrre un lungometraggio al giovane autore, con gli stessi personaggi. Il film, in Italia venne distribuito, inspiegabilmente, solo in home video, ma negli Stati Uniti è uscito il 9/9/09. Tutto ciò da l’idea dell’impegno che la produzione ha dedicato alla sua realizzazione. Una pellicola che, visti i protagonisti (delle bambole di pezza), può sembrar rivolto a un pubblico più giovane, ma fin dalle prime scene possiamo capire, attraverso riferimenti simbolici e citazioni, che il pubblico principale a cui si rivolge 9 dovrebbe essere composto da adulti. Inoltre i meccanismi sentimentali e relazionali sono resi con la semplicità adatta ai più piccoli ma molto più significativa alla percezione di un adulto.

Un inizio un po’ alla Coraline e un po’ alla Edward – Mani di forbice. Caratterizzato da grafiche accurate e naturalissime e con personaggi che vivono situazioni umane e profonde. E nonostante siano tutti uguali – o meglio simili – all’apparenza in realtà sono tutti unici: sono individui irripetibili. In 90 minuti sono presenti tutti gli ingredienti necessari a un buon prodotto: speranza, mistero, avventura, ribellione, amicizia, lotta tra bene e male, tra macchine e uomo.

Il ritmo e la narrazione sono molto veloci e fluidi, dura meno di quanto ti aspetti. Non mancano, poi, i colpi di scena. Ambientazioni e personaggi macabri, inquietanti ma affascinanti e sopratutto credibili, che ti ipnotizzano fin da subito. L’inizio prende il via con un mistero: cosa è successo alla Terra, all’umanità? Chi sono questi protagonisti? Cosa sono? Perchè ci sono solo loro? Tutte domande che ti tengono incollato allo schermo fino alla fine. E te ne vai soddisfatto di aver visto un ottimo film originalissimo.

 

SEGUI MALATI DI CINEMA SU FACEBOOK

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *