Terror Firmer (1999): Recensione

Terror Firmer (1999)

Recensione di Terror Firmer, film del 1999 diretto da Lloyd Kaufman, una delle tante gemme prodotte da quei pazzi della TROMA

VOTO MALATI DI CINEMA (7 / 10)

La folle mente del padre della Troma, Lloyd Kaufman, ha partorito il film che racchiude per intero lo spirito e le caratteristiche della casa di Produzione americana, dove il protagonista è proprio il mondo Troma. Parliamo di Terror Firmer, girato nel 1999 e considerato il lavoro migliore e più riuscito.

Durante le riprese del sequel de Il vendicatore Tossico, un misterioso assassino gira per il set compiendo brutali omicidi, mettendo in agitazione il cast e l’intera troupe.

Lo stile ovviamente è quello di sempre, demenzialmente artistico, dove il marchio di fabbrica caratterizzato da scene di sesso, splatter e gore è all’ordine della pellicola, così come i dialoghi volgari perfettamente amalgamati nella storia, coperti spesso come da tradizione dai tipici rumori corporali di alcuni personaggi del film.

“NO! THIS IS A TROMA MOVIE!”

Lloyd Kaufman diverte e fa divertire nella parte un po’ autobiografica del regista cieco che dirige le scene come se nulla fosse, consigliando addirittura il modo in cui comportarsi e le posizioni da assumere davanti la telecamera.
Ovviamente non mancano le solite partecipazioni di “aficionados” come l’attore pornografico Ron Jeremy e il leader dei Motorhead, Lemmy Kilmister.

Nonostante la voluta e dichiarata spensieratezza di ogni film targato Troma, non mancano i messaggi -assolutamente goliardici- che passano nel corso del film quasi come fossero seri appelli di solidarietà, come ad esempio la campagna contro l’odio verso gli ermafroditi.

Esistono ben tre versioni di Terror Firmer: quella ultra-censurata della durata di 98 minuti, dove molte scene splatter e di sesso sono coperte da una riga nera, quella director’s cut da 114 minuti, dove è possibile vedere la pellicola senza tagli e censure, e quella uncut director’s cut da 125 minuti, che comprende anche le scene eliminate contenute nel DVD.

SEGUI MALATI DI CINEMA SU FACEBOOK

Share
Vai alla barra degli strumenti