Da grande (1987): Recensione

Da Grande, recensione del film del 1987 diretto da Franco Amurri con Renato Pozzetto, Joska Versari, Alessandro Haber e Ottavia Piccolo

E’ nato prima l’uovo o la gallina?
“Big” ha copiato “Da Grande” o viceversa?
Questi sono senza dubbio due tra i più grandi dilemmi dell’Universo.
Se Big è un film di americana produzione famoso in tutto il mondo, c’è da dire che Da Grande è uscito un anno prima, ovvero nel 1987. Stesso concept, trama simile.
In realtà entrambi i film prendono spunto dal lungometraggio Storia di tre amori del 1953 anche se la coincidenza dei tempi di lavorazione così vicini tra loro è gigante, ma siccome noi italiani siamo un po’ egocentrici, diciamocelo, possiamo dire orgogliosi che sì, Big è il remake di Da Grande!

Diretto da Franco Amurri (Il ragazzo del Pony Express), Da Grande racconta la storia di Marco, un ragazzino di otto anni triste perché trascurato dai genitori e bullizzato dai compagni da scuola.
Nel giorno del suo compleanno, non ricevendo in regalo il LEGO che tanto desiderava a causa di una situazione economica disastrosa della famiglia che il bambino non capisce, si chiude in camera desiderando di diventare improvvisamente grande.
Detto fatto, la mattina seguente Marco si trasforma in Renato Pozzetto e impaurito scappa di casa…

da grande
Joska Versari è il piccolo Marco

Comincia così Da Grande, pellicola dalla semplice linearità che mostra però una condizione sociale purtroppo ricorrente nelle famiglie di ceto medio/basso, attualissimo anche ai giorni nostri.
Renato Pozzetto si trova molto a suo agio nei panni del personaggio innocente e un po’ fuori dal mondo, come ad esempio ne Il Ragazzo di Campagna, dove interpreta un contadino alle prese per la prima volta con la grande Metropoli.
Alessandro Haber interpreta alla perfezione Claudio, il papà di Marco, personaggio che sembra scritto appositamente per lui, mentre Ottavia Piccolo è la mamma Anna, ottima nell’immedesimarsi nel ruolo della madre severa ed apprensiva.
Il piccolo Marco è interpretato da Joska Versari, famoso all’epoca per la pubblicità della Barilla.
Prende parte al film anche una giovanissima Ilary Blasi durante una scena girata al parco.

Nonostante il genere catalogabile come commedia per ragazzi, Da Grande offre molti spunti “adulti” e ci regala un’ambientazione calda e piena di luce.
Visionandolo a distanza di anni non perde freschezza e si mantiene bene.

VOTO: 6,5

SEGUI MALATI DI CINEMA SU FACEBOOK

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *