Maggie (2015): Recensione

Recensione del film Maggie, horror dalle tinte drammatiche del 2015 diretto da Henry Hobson, con Arnold Schwarzenegger e Abigail Breslin

VOTO MALATI DI CINEMA  (6,5 / 10)

Nella maggior parte dei film Horror a tema “Zombie” è quasi naturale sbarazzarsi del contagiato senza stare a guardare il grado di parentela o affettivo; un colpo in testa e via, si pensa solamente a sopravvivere.
Maggie invece (Contagious – Epidemia mortale il titolo in italiano) mette in mostra il lato sentimentale della situazione, dove l’infetto viene visto come un malato terminale e per questo accudito nonostante il pericolo imminente.

Il regista Henry Hobson, all’esordio cinematografico, ci mostra appunto il lato umano della tragedia apocalittica, molto probabilmente agli inizi del contagio dove non è ancora chiaro il contesto; infatti durante la pellicola c’è ancora un normale servizio di Polizia e le scuole sono aperte mostrando un senso di inquietante normalità.

La storia è ambientata in un paesino del Texas, luogo ideale per ampliare quel senso di vuoto e tenebroso silenzio che avvolge lo spettatore alla visione della pellicola, che sembra quasi un film indipendente per il suo pulito scorrimento.

Il protagonista è un nome pesante del Cinema Mondiale, una delle icone dei film d’azione ed ex Mister Olimpia di Body Building: Arnold Schwarzenegger. L’austriaco sforna una prestazione da 10 e lode in un genere che apparentemente non gli si addice visto il passato, ma basta guardare questi 95 minuti per rendersi conto che è un attore pieno di talento, in grado tranquillamente di interpretare un ruolo drammatico senza dover per forza alzare i ritmi.

Nella parte di Maggie, la sfortunata figlia infetta, una bravissima Abigail Breslin, ammirata in passato in Little Miss Sunshine e in Benvenuti a Zombieland, Horror questa volta in chiave comica.

Maggie è un film assolutamente consigliato, pieno di sentimento, dove la famiglia è al primo posto nonostante gli avvenimenti, e il senso di protezione da parte di un padre aggiunto alla paura di perdere qualcuno che si ama, mette in secondo piano addirittura un’apocalisse ormai in corso.

Share
Vai alla barra degli strumenti