Dopo la guerra: presentato a Roma il film d’esordio di Annarita Zambrano

La regista Annarita Zambrano e la sua opera prima Dopo la guerra hanno inaugurato ieri, 3 luglio, la rassegna “Bimbi Belli”, evento cinematografico organizzato da Nanni Moretti nell’ambito della celebre Arena del Nuovo Sacher di Roma, dedicato alla presentazione al pubblico degli esordi italiani di questo ultimo anno. La pellicola, in anteprima romana, è stata scelta dal direttore artistico, regista e attore Nanni Moretti per aprire l’edizione 2017 ed è stata accolta con successo dal pubblico dell’arena che con la regista è stato protagonista di un interessante dibattito sulla realizzazione del film e l’analisi dei suoi toccanti contenuti.

Dopo la guerra, nelle sale in autunno distribuito da I Wonder Pictures è prodotto da Mario Mazzarotto per Movimento Film, Sensito Films, Cinéma Defacto, con il contributo del MiBACT e di Unipol Banca, con il sostegno di CNC, MEDIA, CICLIC, Fondation GAN, Région Acquitaine e Regione Emilia-Romagna. La pellicola – presentata in anteprima mondiale nella sezione “Un Certain Regard” del Festival di Cannes e in anteprima italiana alla 13esima edizione del Biografilm Festival – è interpretata da Giuseppe Battiston e Barbora Boboulova, ed è una riflessione attenta sulle colpe e violenze di un periodo storico contemporaneo che non sarà dimenticato e condizionerà per sempre le vite di una famiglia diventata vittima di se stessa, che sarà costretta a condividere il dolore privato con il giudizio pubblico.

dopo la guerra

SINOSSI
Bologna, 2002. La protesta contro la riforma del lavoro esplode nelle università. L’assassinio di un giuslavorista riapre vecchie ferite politiche tra Italia e Francia. Marco, ex-terrorista, condannato per omicidio e rifugiato in Francia da 20 anni grazie alla Dottrina Mitterand, che permetteva agli ex terroristi di trovare asilo oltre Alpe, è sospettato di essere il mandante dell’attentato. Quando il governo Italiano ne chiede l’estradizione Marco decide di scappare con Viola, sua figlia adolescente. La sua vita precipita, portando nel baratro anche quella della sua famiglia italiana, che, da un giorno all’altro, si (ri)trova costretta a pagare per le sue colpe passate.

SEGUI MALATI DI CINEMA SU FACEBOOK

Share
Vai alla barra degli strumenti