La Tartaruga Rossa e Il sapore della Ciliegia dal 6 luglio in DVD

In occasione dell’uscita in DVD del film d’animazione candidato all’Oscar®, La Tartaruga Rossa (da oggi nei migliori negozi), firmato dal pluripremiato regista Michaël Dudok de Wit, la Bim Distribuzione ha attivato una partnership con il CTS (Centro Turistico Studentesco e Giovanile), l’associazione che dal 1974 fa viaggiare i giovani di tutta Italia.

Tutti coloro che inseriranno i dati dello scontrino o prova di acquisto del dvd all’interno del sito www.vincilanatura.it , parteciperanno al concorso per vincere una fantastica vacanza nella natura. I fortunati vincitori soggiorneranno per una settimana a Riva dei Tarquini per l’Adventure Summer Camp 2018 (premio fruibile dal 2 giugno al 2 settembre 2018).

CTS ha fatto delle pratiche di sostenibilità e di responsabilità nel turismo la sua filosofia. Nel 2016 raccoglie la sfida di un giovane team con cui lancia l’ADVENTURE SUMMER CAMP: un’oasi di serenità dove sport, natura, avventura e relax diventano i protagonisti di una vacanza da sogno in riva al mare.

Info e regolamento completo su www.vincilanatura.it

Il DVD de La tartaruga rossa è vendita da oggi, 6 luglio.

La Bim Distribuzione, a un anno dalla morte (4 luglio 2016) e a 20 anni dalla Palma d’oro al Festival di Cannes, celebra il grande Maestro iraniano, Abbas Kiarostami, pubblicando una nuova edizione del suo capolavoro Il Sapore della Ciliegia.

Nella polverosa periferia di Teheran, un uomo gira con la sua automobile alla ricerca di qualcuno disposto, dietro compenso, a ricoprire il suo corpo dopo che si sarà suicidato.

Con le parole del regista, “il film vuole essere una riflessione sul fatto che tutti abbiamo il potere di scegliere di vivere e che solo dopo aver compiuto questa scelta viviamo meglio”.

L’edizione speciale, oltra al DVD del film e il contenuto speciale con la versione restaurata del cortometraggio “Il Coro” (1982), è impreziosita dal libro “Il Vento e la Foglia – Poesie Scelte”, una selezione di oltre 190 componimenti del Maestro iraniano con, a fronte,  il testo originale persiano.

Poesie come istantanee che catturano gesti quotidiani, dettagli della natura, ricordi di cui sono impregnate le case, gli oggetti, i suoni. Frammenti che tratteggiano l’esistenza attraverso una parola nuda d’ornamenti, efficace nella sua immediatezza. Simili agli haiku giapponesi per i toni semplici, l’assenza di titoli e l’estrema concisione, i versi di Kiarostami lasciano spazio alle suggestioni del lettore e a un’indagine introspettiva che prende corpo grazie ad una scrittura fortemente visiva. I suoi componimenti sono infatti frutto di una carriera polivalente dove cinema, letteratura e fotografia s’intrecciano fino a formare un’unica trama che racconta la vita in tutte le sue sfumature.

SEGUI MALATI DI CINEMA SU FACEBOOK

Share
Vai alla barra degli strumenti