Ritorno in Borgogna: la locandina italiana

Ritorno in Borgogna, pellicola diretta dal francese Cédric Klapisch, uscirà nelle sale italiane il 19 ottobre 2017. E’ online il poster italiano


Cédric Klapisch torna alla regia dopo numerosi film che hanno ritratto le città più belle di sempre e i loro abitanti – come Rompicapo a New York, L’appartamento spagnolo, Bambole russe e Parigi – e questa volta ci accompagna in un inedito viaggio attraverso il verdeggiante paesaggio che caratterizza la campagna francese della famosa regione vinicola della Borgogna.

Ritorno in Borgogna (Ce Qui Nous Lie) racconta di tre fratelli – Jean (Pio Marmaï), Juliette (Ana Girardot) e Jérémie (Franҫois Civil) riuniti dal destino nella tenuta di famiglia in Borgogna e alle prese con importanti decisioni riguardanti il loro futuro e quello dei propri vigneti.

Durante le fasi di lavorazione e produzione del vino, scandite dall’alternarsi delle stagioni,
i tre fratelli protagonisti di Ritorno in Borgogna ripercorrono i momenti fondamentali della loro infanzia cercando di ricostruire il loro rapporto.

Un racconto familiare che attraversa un intero anno, lo stesso periodo di tempo necessario per la produzione del vino, che influirà sul destino dei tre fratelli. Ritorno in Borgogna di Cédric Klapisch arriverà nelle sale italiane il 19 ottobre distribuito da Officine UBU.

SINOSSI
Dieci anni fa Jean ha lasciato la famiglia, proprietaria di un grande vigneto a Meursault in Borgogna, per girare il mondo. A causa della malattia terminale del padre, decide di lasciare temporaneamente l’Australia, dove viveva con la moglie e il figlio, per tornare a casa e riunirsi con la sorella Juliette e il fratello Jérémie. Ma la morte del padre poco prima dell’inizio della vendemmia ricopre i fratelli di nuove responsabilità, tra le quali la ricerca di una grossa somma di denaro con la quale pagare le tasse di successione. Al ritmo del susseguirsi delle stagioni, i tre giovani adulti riscoprono e reinventano i legami familiari, uniti dalla passione per il vino.

LOCANDINA ITALIANA

SEGUI MALATI DI CINEMA SU FACEBOOK

Share
Vai alla barra degli strumenti