The Midnight Man (2016): Recensione


The Midnight Man, recensione del film horror diretto da Travis Zarinwy con Gabrielle Haugh, Robert Englund e Lin Shaye

VOTO MALATI DI CINEMA  (4,5 / 10)

L’epoca dei “Boogeyman” sembra essere ormai definitivamente terminata.
I fasti di Candyman -trilogia comunque non oltre la sufficienza- sono assai lontani. The Midnight Man conferma lo scialbo livello, soprattutto tecnico, di un genere poco sfruttato nonostante le molteplici leggende metropolitane su cui attingere.
The Midnight Man, film del 2016 scritto e diretto da Travis Z (pseudonimo di Travis Zariwny), arriva in Italia subito dopo lo scarso successo al botteghino di un altro “uomo nero”, ovvero The Bye Bye Man.

Nonostante la presenza di due mestieranti del genere horror, ovvero Robert Englund (Nightmare e tanti altri) e Lin Shaye (saga Insidious), il film non decolla, anzi, rimane proprio all’interno dell’hangar, fermo e senza benzina.
Peccato, veramente un peccato, anche perché a differenza di The Bye Bye Man era possibile puntare sul fattore “gioco” per vivacizzare un prodotto invece anonimo.

Lin Shaye e Robert Englund le uniche note positive del film

1953: attraverso un gioco crudele che costa la vita a diversi bambini, Anna Luster (Lin Shaye) rimane l’unica sopravvissuta agli attacchi di una misteriosa creatura demoniaca.
Oggi: Anna, ormai anziana e sola, riceve la visita dell’amorevole nipote Alex (Gabrielle Haugh), disposta ad accudirla. La giovane, in compagnia del suo amico Max (Keenan Lehmann), troverà una scatola che era meglio non aprire…

L’uomo di Mezzanotte (il nome italianizzato di The Midnight Man) è una creatura resa celebre dai Creepypasta, ovvero leggende metropolitane diffuse su internet.
Una volta evocato, il demone si nutre della paura dei partecipanti, riversando sui malcapitati le loro fobie maggiori.
Le regole del gioco sono semplici ma attenzione, The Midnight Man è un astuto baro:
– scrivi su un foglio di carta il tuo nome
– versa una goccia del tuo sangue sul foglio accanto al nome
– procurati una candela, accendila e spegni tutte le altre luci
– appendi il foglio con i nomi dei partecipanti sulla porta di casa in una superficie di legno
– bussa 22 volte alla porta prima dell’ultimo rintocco della mezzanotte, apri la porta velocemente, soffia sulla candela, richiudi la porta e riaccendi la candela
– ora che l’uomo di Mezzanotte è stato evocato hai tempo fino alle ore 3:33 per sfuggirgli e vincere
– tieni sempre a portata di mano un accendino (forse meglio più di uno) oppure dei fiammiferi. Se la candela dovesse spegnersi hai 10 secondi di tempo per riaccenderla, in caso contrario fai un cerchio con il sale ed entra al suo interno
– non rimanere troppo a lungo nello stesso punto

The Midnight Man è disponibile dal 17 maggio in un esclusivo cofanetto Blu-Ray e DVD Midnight Factory, distribuito da Koch Media.

Share
Vai alla barra degli strumenti