Dead Snow (2009) e Dead Snow Red vs Dead (2014): Recensione


Dead Snow Collection, recensione dei due capitoli sugli Zombie Nazisti diretti da Tommy Wirkola nel 2009 e nel 2014

VOTO MALATI DI CINEMA (7 / 10)

A livello di film horror, il 2009 è stato un anno interessante ma abbastanza banale. Tra gli scaffali delle videoteche era possibile trovare, infatti, pellicole gradevoli ma di certo non leggendarie come Drag me to Hell del buon Sam Raimi, Il mai nato, Orphan e The Horde.
Improvvisamente, come l’ondata di gelo Burian che verso la fine di febbraio ha colpito la nostra nazione, la spruzzata d’energia arriva dalla fredda Norvegia, dove un regista sconosciuto ai più, Tommy Wirkola, ha preparato il suo terzo lungometraggio personale dal titolo Dead Snow (Død snø).

La trama è semplice ma vincente: un gruppo di amici decide di trascorrere il weekend in una baita sperduta tra le montagne norvegesi. Alcool, sesso e fantomatiche leggende sul luogo la faranno da padrona, rispolverando fedelmente situazioni in pieno stile Evil Dead (ritornando, appunto, a Sam Raimi), anche se stavolta al posto di possessioni e demoniache entità, saranno un gruppo di soldati nazisti sepolti sotto la neve a rovinare il soggiorno dei poveri ragazzi.

Capitanati dall’incazzatissimo Colonnello Herzog, sarà quasi un’impresa per i giovani sopravvivere.
Il sangue mescolato con la neve e le molteplici trovate splatterose affidate agli effetti speciali di Hummer Høimark e Lars Kolding Andersen, rendono Dead Snow un prodotto godibile e sopratutto divertente per via della vena comica che aleggia in tutto il film, con fantastiche situazioni al limite del surreale.
Dead Snow è un lungometraggio talmente spaccaculi da meritare un sequel che non farà assolutamente rimpiangere il primo capitolo, ovvero Dead Snow: Red vs Dead.

Cosa c’è di più spaventoso di uno Zombie? Un Nazi-Zombie!

VOTO MALATI DI CINEMA (7 / 10)

(contiene spoiler)
I cattivissimi Zombie Nazisti scendono dalla montagna innevata per chiudere i conti col passato, ma dovranno vedersela con una vecchia, anzi due, vecchie conoscenze…
Martin è ancora vivo, inchiodato in un letto d’ospedale dove è ricoverato ormai da giorni privo dell’arto destro. I medici, per errore, gli installano il braccio del Colonnello Herzog, dotato di poteri sovrumani.
Il sopravvissuto, di nuovo in pericolo dalla vendetta del temibile colonnello nazista, approfitta del nuovo mezzo per portare di nuovo in vita un plotone di soldati dell’Armata Rossa guidati dal Generale Sovietico Stavarin, acerrimo nemico di Herzog. Insieme alla “Squadra Zombie” composta da tre nerds Americani, le fazioni si scontrano all’ultimo sangue in un’insolita rivincita.

Atteso sequel del fortunatissimo primo capitolo, questo film Norvegese è più splatteroso e magnifico che mai.

E’ possibile gustarsi i due capitoli in alta definizione grazie al Dead Snow Collection, imperdibile cofanetto Blu-Ray da collezione targato Koch Media e Midnight Factory.
http://www.midnightfactory.it/film/dead-snow-collection

 

Share
Vai alla barra degli strumenti