IT – Capitolo due (2019): Recensione

IT – Capitolo due, recensione del film diretto dall’argentino Andrés Muschietti, tratto dall’omonimo romanzo di Stephen King. Uscita nelle sale italiane: 5 settembre 2019

VOTO MALATI DI CINEMA 7.5 out of 10 stars (7,5 / 10)

Dopo 27 anni dalla sua ultima comparsa, apparentemente sconfitto, Pennywise è tornato a mietere vittime nella cittadina del Maine, costringendo così la squadra dei ‘Perdenti’ a far fede al giuramento di sangue fatto da bambini. Di nuovo insieme e accomunati dalla terribile esperienza passata con il Clown, i protagonisti dovranno fare i conti con gli insuccessi e le sconfitte della vita affrontando non solo Pennywise ma anche le paure affiorate nel tempo, chiedendosi quali siano le paure e le ansie veramente reali e quali no.

Indossate i vostri impermeabili gialli, a Derry piove forte, IT è tornato!

Ottime le interpretazioni di tutti i personaggi, il cast è stato veramente di alto livello, basta pensare a nomi come quello di James McAvoy (nei panni di Bill) e quello di Bill Skarsgård che, come nel capitolo precedente, ha interpretato IT in modo fantastico. Il regista argentino Andrés Muschietti in questo Horror Movie si è veramente superato, non manca davvero nulla; suspense, atmosfera, dramma. Buoni anche gli effetti speciali anche se nella scena girata nel ristorante cinese vengono esaltati a mio parere troppo.
Unica pecca forse è stata la durata, quasi due ore e mezza di film, quindi mettetevi comodi e comprate i pop corn. Per gli amanti del genere vi consiglio vivamente di andarlo a vedere prima possibile.

(A cura di Alessio Rota)

Vai alla barra degli strumenti