Vai alla barra degli strumenti

The Dirt (2019): Recensione

The Dirt, recensione del film diretto da Jeff Tremaine basato sulla carriera dei Mötley Crüe. Disponibile su Netflix dal 22 marzo 2019

VOTO MALATI DI CINEMA 8 out of 10 stars (8 / 10)

Parlare di sesso, droga e Rock ’n Roll, quando si parla dei Mötley Crüe, è… riduttivo.
L’unico modo per Kickstart-are questa recensione è dicendo che The Dirt, autobiografia dei Mötley Crüe diretta da Jeff Tremaine, è un’assoluta bomba atomica.

Questa pellicola è una follia, ma non c’è bisogno che ve lo dica io, visto che lo capirete letteralmente nei primi due/tre minuti di film.
L’opera è incentrata principalmente sui quattro membri della band, piuttosto che sulla band in sé;
Infatti, il film racconta del loro percorso della partendo dai singoli – e singolari – albori di ognuno di loro (quindi prima della formazione del leggendario gruppo).
Tommy Lee, Nikki Sixx, Vince Neil e Mick Mars sono interpretati rispettivamente da Machine Gun Kelly, Douglas Booth, Daniel Webber e Iwan Rheon (Il trono di spade, Inhumans), e hanno tutti svolto un lavoro davvero eccezionale.
Movenza, comportamenti e reazioni di ognuno di loro, fino ad arrivare alle performance sul palco (anche perché suonavano davvero loro), sono estremamente accurate, e anche quando c’è stato da “cacciare” drammaticità hanno svolto un gran lavoro.

La regia di Tremaine, unita alla fantastica cinematografia di Toby Oliver (Scappa – Get Out, Auguri per la tua morte) – che sembra rielaborare gli anni 80 in chiave anni 70 – e all’ottima struttura narrativa messa in piedi dalla sceneggiatura di Amanda Adelson e Rich Wilkes (xXx, xXx 2, xXx 3), rendono veramente l’idea di cosa significasse, al tempo, vivere una vita da rockstar, con tutti i pro e i contro che ne conseguono.
È interessante come inizialmente tutto sembra un gioco – e per tutto, intendo droga, groupies e sregolatezze di ogni genere – che, gradualmente, con l’aumento delle responsabilità dei ragazzi, quel “tutto” si trasforma in un vero e proprio incubo, oltre che pericolo per la loro salute e di chi gli gravita intorno.

Se siete interessati a sapere cosa accadeva nella vita delle rockstar, oppure se volete vedere un film che vi trasmetta pura follia, questo è quello giusto per voi.
Una vera botta di vita.