Vai alla barra degli strumenti

Tenet: Christopher Nolan ha veramente schiantato un aereo in un edificio


Ormai non stiamo nelle pelle per Tenet, la prossima opera di Christopher Nolan, e queste affermazioni peggiorano solo la situazione.
In un’intervista rilasciata a Total Film, il regista Inglese ha dichiarato che effettivamente, quell’aereo visto schiantarsi nell’edificio alla fine del secondo trailer, è un vero e proprio aereo, per la precisione un Boeing 747.
Di seguito trovare l’articolo tradotto.

“Avevo pianificato di farlo usando miniature, dei piccoli set e una combinazione di effetti speciali e tutto il resto.” Nolan ha detto a TF (Total Film, Ndr.). Nonostante ciò, mentre stavano facendo i sopralluoghi nelle location a Victorville, in California, il loro team ha scoperto una fila enorme di vecchi aeroplani.
“Abbiamo iniziato a fare i calcoli… ed era chiaro che sarebbe stato più efficiente comprare un vero aeroplano a grandezza reale, e fare questa sequenza per davvero, invece che costruire miniature o usare la computer grafica.”

Chiamatelo un acquisto impulsivo. “È una cosa strana da dire – una specie di acquisto impulsivo, direi,” Ride Nolan. “Ma l’abbiamo fatto, e ha funzionato molto bene, e con Scott Fisher, il nostro supervisore degli effetti speciali, e Nathan Crowley, il production designer, capire come realizzare questa grossa sequenza nella realtà. È stato molto eccitante fare parte di tutto questo.”

Anche Robert Pattinson ricorda la sequenza dell’aeroplano con un sorriso. “Non penseresti mai che ci fosse una realtà dove puoi girare una scena dove semplicemente hanno un vero e proprio 747 da far saltare in aria! È così coraggioso da arrivare al ridicolo… Mi ricordo, mentre la giravamo, che pensavo ‘Quante volte succederà di nuovo una cosa del genere in un film?”

Noi di Malati di Cinema non vediamo l’ora.
Abbiamo un’idea di cosa aspettarci, formulato le nostre ipotesi (come tutti), ma siamo sicuri che Nolan ci stupirà con qualcosa di totalmente inimmaginabile.
Tenet, come primo film nelle sale dopo la pandemia, potrebbe essere il giusto catalizzatore per far ripartire l’intero mondo del cinema.